Dom. 14. Jul 2024, Santa Fe - Argentina
Mundo

PAPA: CONTRO LE INGIUSTIZIE SERVE RIVOLUZIONE CULTURALE

PAPA: CONTRO LE INGIUSTIZIE SERVE RIVOLUZIONE CULTURALE

Claro mensaje...

ROMA-ITALIA  “Oggi ci sono molte situazioni di ingiustizia e dolore umano che tutti conosciamo bene. Forse possiamo parlare di una terza guerra combattuta dai partiti, con crimini, massacri, distruzione. I sussidi alla tratta di esseri umani, le espressioni di xenofobia abbondano e la ricerca egoistica di interesse nazionale, la disuguaglianza tra i paesi e al loro interno cresce senza trovare un rimedio.

Con una progressione direi geometrico. D'altra parte, "non abbiamo mai maltrattato e ferito la nostra casa comune come negli ultimi due secoli". Non a caso, ancora una volta "gli effetti più gravi di tutte le aggressioni ambientali subiscono le persone più povere". Sono parole di Papa Francesco, pronunciate in occasione del congresso internazionale del secretariato per la giustizia sociale e l’ecologia della Compagnia di Gesù giovedì 7 novembre.

Il Pontefice, che cita anche passi di suoi discorsi precedenti, spiega che “seguire Gesù in queste circostanze comporta una serie di compiti. Inizia accompagnando le vittime, a contemplare su di loro il volto del nostro Signore crocifisso. Continua nell'attenzione ai bisogni umani che sorgono, molte volte innumerevoli e inevitabili nel loro insieme. Oggi è anche necessario riflettere sulla realtà del mondo, smascherare i loro mali, scoprire le risposte migliori”.

Ma per Bergoglio “la nostra risposta non può fermarsi qui. Abbiamo bisogno di una vera "rivoluzione culturale", una trasformazione del nostro sguardo collettivo, dei nostri atteggiamenti, dei nostri modi di percepire noi stessi e di metterci davanti al mondo. Infine, i mali sociali sono spesso confiscati nelle strutture di una società, con un potenziale di dissoluzione e morte. Da qui l'importanza del lento lavoro di trasformazione delle strutture, attraverso la partecipazione al dialogo pubblico, in cui vengono prese decisioni che incidono sulla vita di queste ultime”.