Dom. 19. May 2024, Santa Fe - Argentina
Italia

LIBRI, ENRICO BRIZZI E “IL CAVALIERE SENZA TESTA”

LIBRI, ENRICO BRIZZI E “IL CAVALIERE SENZA TESTA”

Brizzi -nacido en noviembre de 1974-, con su nuevo libro...

ROMA-ITALIA  “L’origine è la meta”. Questa famosa formula di Karl Kraus potrebbe riassumere, indicandolo, il significato più profondo del viaggio tra campagne, città e monti raccontato da Enrico Brizzi in “Il cavaliere senza testa. Viaggio a piedi di un padre e delle sue figliole da Bologna alle creste d’Appennino” (Ponte alle Grazie).

Un viaggio che si snoda su due percorsi: quello compiuto a piedi insieme alle sue giovanissime figlie, dodici tappe da Pieve di Cento al Lago Scaffaiolo, e quello evocato dalle memorie dei luoghi incontrati, nella storia di un territorio e di una famiglia attraverso i secoli.

Enrico e le bambine camminano nei boschi, lungo i sentieri, attraversano fiumi e canali e salgono in cima alle montagne, e durante le soste e prima di addormentarsi rivivono nei ricordi storie di papi e imperatori, di contadini e soldati, di guerre, avventure, grandi amori e scherzi del destino; il paesaggio attraversato acquista più dimensioni, i luoghi e i loro nomi diventano anch’essi famigliari, come gli antenati, e un cavaliere senza testa appare tanto reale quanto zio Ulisse, che naturalmente è un viaggiatore instancabile.

Viaggio alla volta delle origini, viaggio che ci porta via, viaggio che ci fa ritrovare: la meta è quest’albero genealogico, intimo e diffuso allo stesso tempo; lo stato d’animo è quello di un padre che accompagna le sue figlie nel mondo e, guardandole, prova una speranza che è già anche nostalgia. Brizzi è nato nel novembre 1974. È cresciuto a Bologna.