Dom. 14. Abr 2024, Santa Fe - Argentina
Di tutti

LA VOCE DI NEW YORK: LA PIZZA PUGLIESE APPRODA NEL CUORE DI MANHATTAN

LA VOCE DI NEW YORK: LA PIZZA PUGLIESE APPRODA NEL CUORE DI MANHATTAN

NEW YORK-STATI UNITI  Chi l’ha detto che la pizza è solo napoletana? Luigi Scarpelli sta facendo conoscere ai newyorkesi anche quella pugliese. Accanto allo storico ristorante La Villetta, che offre cucina meridionale a Sutton Place, nel cuore di Manhattan, ha aperto L’Angolo della Villetta, sulla Prima Avenue e 52esima strada, con un’ampissima varietà di pizze, rigorosamente cotte nel forno a legna, piatti pugliesi ‘informali’ e una curata selezione di vini.

A scriverlo è La Voce di New York, il quotidiano online che da anni riporta le notizie in lingua italiana e inglese, a favore della foltissima comunità di italiani che popola la Grande mela, formata da oltre 93.500 persone.

Originario di Mola di Bari, Scarpelli spiega al quotidiano la differenza tra pizza napoletana e pizza pugliese. “Quella napoletana è molto soffice e c’è molta massa, io la preferisco sottile e croccante, noi in Puglia la facciamo così”, dice, assicurando che “ai newyorkesi piace moltissimo perché è più leggera e digeribile”.

La carta dei vini poi spazia dal nord a sud – ci racconta il partner e general manager – e non mancano diverse etichette che rendono omaggio alle sue origini. Dopo anni nelle cucine delle navi e dopo aver conosciuto cibi e tradizioni culinarie di mezzo mondo, Scarpelli è arrivato nella Grande Mela trent’anni fa e se ne è subito innamorato.

“A 16 anni mi sono imbarcato su una nave mercantile, e li ho fatto il cuoco per tanti anni. Ad ogni scalo visitavo le città, i ristoranti, cercavo di capire la cucina locale – ricorda – Poi dopo il militare in Italia venni in vacanza a New York con degli amici e rimasi affascinato dalla città, dal suo dinamismo. Decisi che era il posto dove avrei vissuto, così lasciai tutto e iniziai da zero qui, a partire dalla lingua. Man mano crescendo ho iniziato a fare il cameriere e in seguito il manager per parecchi anni a Midtown e nell’Upper East Side”.