Mar. 31. Ene 2023, Santa Fe - Argentina
Di tutti

MELONI: MANOVRA CORAGGIOSA, PRIORITA’ CRESCITA E GIUSTIZIA SOCIALE

MELONI: MANOVRA CORAGGIOSA, PRIORITA’ CRESCITA E GIUSTIZIA SOCIALE

ROMA-ITALIA  "Sono molto soddisfatta del lavoro che abbiamo fatto con questa manovra: per due ragioni, la prima è che abbiamo scritto una legge di bilancio che non si limita a un lavoro ragionieristico, ma fa delle scelte politiche. Sono contenta poi che l'approccio che abbiamo avuto è quello che avremmo avuto se ci fossimo occupati di un bilancio familiare, quindi se mancano le risorse non stai a preoccuparti del consenso ma di cosa sia giusto fare per far crescere la famiglia nel migliore dei modi".

Così esordisce il premier Giorgia Meloni, in conferenza stampa a Palazzo Chigi all’indomani del Consiglio dei ministri che ha varato la manovra da 35 miliardi, di cui 21 destinati ad affrontare gli effetti del caro energia, “con i crediti di imposta per le aziende che confermiamo e aumentiamo dal 40 al 45% per le aziende energivore e dal 30 al 35% per quelle non energivore".

Per quanto riguarda le famiglie, “lo Stato – spiega Meloni - interviene per calmierare le bollette per le famiglie, portando l’Isee massimo da 12.000 a 15 mila euro”, misura che vale 9 miliardi di euro. "La considero una manovra coraggiosa, coerente con gli impegni presi con il popolo italiano e coraggiosa perché scommette sul futuro" continua Meloni, che indica “due grandi priorità: la crescita, che significa mettere in sicurezza il tessuto produttivo, incentivare il lavoro e incoraggiare chi in un momento di grande difficoltà si rimbocca le maniche. L'altra priorità - conclude – è la giustizia sociale, con l'attenzione alle famiglie ai redditi più bassi".