Vie. 23. Feb 2024, Santa Fe - Argentina
Mundo

MIGRANTI: ARRIVI TRIPLICATI NEL MEDITERRANEO CENTRALE

MIGRANTI: ARRIVI TRIPLICATI NEL MEDITERRANEO CENTRALE

ROMA-ITALIA  Nei primi tre mesi del 2023, il numero di attraversamenti irregolari delle frontiere segnalati dalle autorità nazionali è salito a 54.000, il 26% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. A marzo, sono stati rilevati più di 22.500 attraversamenti irregolari alle frontiere esterne dell'Ue, il 60% in più rispetto a un anno fa.

Sono gli ultimi rilevamenti di Frontex sui flussi migratori. Il Mediterraneo centrale è stata la rotta più attiva nel primo trimestre dell'anno con quasi 28 000 attraversamenti irregolari delle frontiere, il triplo rispetto a un anno fa. A marzo, i rilevamenti totali su questa rotta sono aumentati di quasi nove volte rispetto allo scorso anno, superando i 13.000.

“I gruppi della criminalità organizzata – sottolinea in una nota l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera - hanno approfittato del clima migliore e della volatilità politica in alcuni paesi di partenza per cercare di contrabbandare il maggior numero possibile di migranti attraverso il Mediterraneo centrale dalla Tunisia e dalla Libia”.

I Balcani occidentali rimangono la seconda rotta migratoria più attiva con quasi 15 000 rilevamenti, sebbene continuino a registrare numeri inferiori rispetto a un anno fa. Il calo può essere attribuito agli allineamenti della politica dei visti nella regione con l'Ue e al rafforzamento delle capacità di controllo delle frontiere da parte dell'Ungheria. Il numero di attraversamenti irregolari nella Manica verso il Regno Unito nel primo trimestre è sceso del 15% rispetto a un anno fa a 7 400 (rilevamenti su entrambe le sponde della Manica). Questa diminuzione temporanea può essere attribuita alle sfavorevoli condizioni del mare.