Mie. 17. Jul 2024, Santa Fe - Argentina
Di tutti

ISTIGAZIONE ALL’ODIO, RIPARTE LA COMMISSIONE DI LILIANA SEGRE

ISTIGAZIONE ALL’ODIO, RIPARTE LA COMMISSIONE DI LILIANA SEGRE

ROMA-ITALIA  Anche in questa legislatura, come nella scorsa, la Commissione contro l’istigazione all’odio, il razzismo e l’antisemitismo svolgerà una indagine conoscitiva per capire alla radice i motivi che spingono all’odio, online ma non solo.

È stato questo l’esito della prima seduta della nuova Commissione, fortemente voluta dalla senatrice Liliana Segre, che in Senato ha sottolineato che “dopo ci sono tutte le altre parole: ‘contro razzismo, antisemitismo, eccetera’. Ma la parola iniziale che dà il nome alla Commissione è ‘contro l'istigazione all'odio’, da parte di una che l’odio l'ha provato e purtroppo lo prova ancora, questo vuol dire credere nel futuro”.

Vuol dire, ha aggiunto Segre, “dare una risposta positiva a un mondo intorno a noi che ci farebbe dire che stiamo perdendo tutto, stiamo perdendo noi stessi. Ma non è vero: noi siamo fortissimi e attraverso l'indagine conoscitiva capiremo ancora di più perché combattiamo con l'odio”. Il vicepresidente della Commissione, Francesco Verducci (Pd), ha ricordato come la presidente Segre “ha insistito sulla necessità di lavorare insieme, del fatto che in questa Commissione non valga il perimetro tra maggioranza e minoranza e quindi che ci sia uno spirito unitario, che si lavori all'unanimità. Del resto sono temi decisivi per tutti: c'è un nesso indissolubile tra Stato di diritto e democrazia e penso sia interesse di tutti i gruppi politici”.

L’altra vicepresidente, Ester Mieli (Fdi) si è rivolta direttamente alla Segre: “Mi permetta di ringraziarla per la generosità, perché di questo si tratta. Non ci dobbiamo arrendere all'odio, non ci dobbiamo arrendere ai bulli, non ci dobbiamo arrendere a chi ci vuole incattivire”. Sarà compito proprio di Mieli e Verducci, nelle prossime settimane, stilare il calendario dell’audizione per l’indagine conoscitiva.