Jue. 18. Jul 2024, Santa Fe - Argentina

LETTA CONTESTATO A MILANO: “SERVO DELLA NATO”

LETTA CONTESTATO A MILANO: “SERVO DELLA NATO”

ROMA-ITALIA  La guerra in Ucraina e l’invio di armi da parte della Nato alle truppe di Zelensky dividono le piazze che celebrano il 25 aprile in tutta Italia.

“Letta servo della Nato” e “Fuori i servizi della Nato dal corteo” sono alcuni degli slogan urlati da alcuni manifestanti al segretario del Pd, Enrico Letta, durante il corteo milanese. Tra i primi a difendere il segretario dem è il presidente nazionale dell’Anpi, Gianfranco Pagliarulo: “È un grave errore. Anche quando ci sono posizioni diverse bisogna evitare che si perda la bussola di una posizione unitaria”. “Questa è casa nostra. La Costituzione e l'antifascismo sono casa nostra”, risponde Letta aggiungendo che “questa è la democrazia, ma siamo convinti che stiamo facendo le cose giuste”. A Milano si sono verificate anche contestazioni alla Brigata ebraica mentre a Torino sono state date alle fiamme alcune bandiere della Nato e del Pd. A Roma invece uno striscione di Rifondazione comunista recita "Basta guerre, contro Putin e contro la Nato" e uno stendardo raffigura la morte che imbraccia una falce e indossa come mantello una bandiera degli Usa. “Non condivido queste bandiere, sono inopportune”, commenta il presidente provinciale dell'Anpi Roma, Fabrizio De Sanctis.