Sab. 19. Ene 2019, Santa Fe - Argentina
Política

CTIM: NO ALLA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI ELETTI ALL’ESTERO

CTIM: NO ALLA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI ELETTI ALL’ESTERO

Nueva expresión en contra de la reducción del número de legisladores electos en el exterior...

ROMA-ITALIA  "Il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo esprime la sua preoccupazione è contrarietà all'ipotesi di modifica della legge elettorale per l'estero, presentata da FI, M5S e Lega, emersa in commissione affari costituzionali del Senato, che prevedrebbe la riduzione del numero dei parlamentari da 18 a 12, 8 alla Camera e 4 al Senato. In primis vi sono dei dubbi di incostituzionalità, se si considera il rapporto non equilibrato di rappresentanza tra i cittadini italiani residenti all'estero e quelli in Italia. Con la nuova proposta, per la Camera il quoziente di rappresentanza se, ad esempio, è di 100mila abitanti per deputato all'estero è di quasi 500mila, cioè cinque volte in più. Ancora una volta quando si parla di italiani residenti all'estero, essi vengono negoziati al ribasso. Il CTIM ritiene che se è d'obbligo la discussione di riformare gli organi di rappresentanza parlamentare per renderli più efficienti, ciò non possa avviare a detrimento degli italiani all'estero e della loro rappresentanza. Un ulteriore penalizzazione discriminatoria per i più dei 5 milioni di cittadini italiani residenti all'estero sarebbe vergognosa". Così una nota del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo.