Vie. 13. Dic 2019, Santa Fe - Argentina
Política

ANIMAZIONE, ACCORDO STORICO TRA ITALIA E GIAPPONE

ANIMAZIONE, ACCORDO STORICO TRA ITALIA E GIAPPONE

Gran logro bilateral...

ROMA-ITALIA  I produttori italiani dell’animazione rappresentati da Cartoon Italia aderente all’ANICA e i produttori giapponesi rappresentati da AJA (the Association of Japanese Animation) hanno avviato un accordo storico di cooperazione e sviluppo dell’attività produttiva tra i due paesi, nel corso del TIFFCOM 2019.

Come è noto, in Italia e in Europa diverse generazioni di giovani sono cresciute con Candy Candy, Lady Oscar, Lupin III, Heidi, Goldrake, Sailor Moon e tanti altri personaggi giunti dal Sole Levante. L’animazione giapponese, così come quella italiana, ha una lunga tradizione di autori e professionalità che negli anni passati hanno avuto solo sporadiche occasioni di lavorare con l’Italia.

Ne è un esempio il personaggio italiano di Calimero, ideato negli anni ‘50 dai fratelli Pagot, che gode di grande popolarità in Giappone e che è addirittura presente sulle carte di credito giapponesi. A differenza della produzione di animazione italiana che negli ultimi vent’anni si è aperta al mercato internazionale grazie ad accordi di coproduzione con diversi paesi nel mondo, quella giapponese si è caratterizzata per un sistema produttivo autosufficiente.

Per questa ragione l’accordo tra Italia e Giappone assume una particolare importanza. Lo ha constatato la delegazione di produttori italiani presenti al TIFFCOM (principale mercato del cinema e dell’audiovisivo del Giappone) dal 22 e al 24 ottobre, nel corso di numerosi incontri organizzati in collaborazione con Unijapan che si sono tenuti nel padiglione italiano organizzato dai Ministeri dei Beni Culturali e dello Sviluppo Economico, dall’ICE e da ANICA. Al TIFFCOM si è tenuta inoltre, una conferenza affollata da produttori giapponesi, nel corso della quale è stato fornito un quadro dell’industria dell’animazione italiana e dei suoi modelli di business.