Sab. 16. Ene 2021, Santa Fe - Argentina
Di tutti

BENEVENTO – JUVENTUS 1-1

BENEVENTO – JUVENTUS 1-1

TORINO-ITALIA  Dopo un primo tempo vivace, nel quale i bianconeri passano con Morata, hanno più di un'occasione per raddoppiare e vengono invece agguantati nel recupero dalla rete di Letizia, nella ripresa i padroni di casa riescono a contenere la squadra di Pirlo e ottenere un punto meritato.

Linee strette e densità dietro la linea della palla: il Benevento vuole limitare i rischi e sigilla gli spazi per impedire lo sviluppo della manovra bianconera, ma appena ne ha l'opportunità si spinge in avanti e in effetti le prime conclusioni sono proprio dei campani, con Barba e Lapadula. La Juve cerca di ragionare, ma manca un po' di precisione e all'inizio le iniziative migliori sono frutto di spunti individuali, di Chiesa e Ramsey in particolare. Al 10' la partita si ferma per qualche istante, per l'omaggio a Maradona, già ricordato con il minuto di silenzio prima del calcio d'inizio e quando il gioco riprende la squadra di Pirlo inizia a spingere con maggior convinzione. Morata ora viene coinvolto maggiormente nel gioco e quando Chiesa lo pesca al limite con un cambio di gioco delizioso, lo spagnolo controlla, si aggiusta il pallone sul sinistro e spara un diagonale imprendibile che tocca il palo interno e si infila alle spalle di Montipò.

Dopo il gol la Juve non si ferma, anzi, gioca con più velocità e precisione e confeziona un'azione da applausi: Cuadrado verticalizza per Morata che appoggia a Dybala e la Joya, dopo uno scambio nello stretto con Ramsey, calcia di prima intenzione, sbagliando la mira di un soffio. L'occasione successiva è per il gallese, che riceve da Frabotta e prova il rasoterra, respinto da Montipò, ma il Benevento non si lascia spaventare: pochi minuti dopo il colpo di testa di Lapadula, servito da Letizia, esce davvero di un soffio e nel recupero del primo tempo prima Szczesny deve compiere un miracolo per mettere in angolo il destro di Schiattarella, poi non può davvero nulla per impedire che il sinistro al volo di Letizia infili nell'angolino il pareggio pochi secondi prima del riposo.

I padroni di casa iniziano bene anche la ripresa, con il diagonale di Improta che sfiora il palo, mentre la Juve ha un'ottima occasione, propiziata dallo spunto di Frabotta che supera anche Montipò, ma Morata mette a lato il colpo di testa. Lo spagnolo è ancora pericoloso con una sventola da fuori area, però i bianconeri fanno fatica ad arrivare in area e Pirlo prova a dare una scossa, inserendo Bentancur, Kulusevski e Bernardeschi al posto di Arthur, Ramsey e Chiesa.

Il copione però non cambia, il finale è nervoso e sono più gli scontri delle azioni limpide. Quando la Juve riesce a costruirne una, con la discesa di Bernardeschi e il tocco angolato di Dybala, Montipò salva distendendosi e mettendo in angolo. È questa l'unica occasione del finale: il Benevento mantiene ordine e lucidità e riesce a tenere i bianconeri lontani dalla propria area e a costringerli al quinto pareggio della stagione.

BENEVENTO: Montipò; Letizia, Glik, Caldirola (33' pt Maggio, 15' st R. Insigne), Barba; Hetemaj, Schiattarella, Improta; Ionita (26' st Tello), Caprari (26' st Tuia); Lapadula (26' st Sau); Allenatore: F. Inzaghi.

JUVENTUS: Szczesny; Cuadrado, Danilo, De Ligt, Frabotta; Chiesa (24' st Bernardeschi), Arthur (17' st Bentancut), Rabiot, Ramsey (17' st Kulusevski); Dybala, Morata; Allenatore: Pirlo.

Arbitro: Pasqua. Reti: Morata 21' pt, Letizia 48' pt; espulsi: 52' st Morata.