Sab. 17. Abr 2021, Santa Fe - Argentina
Lo sport

HELLAS VERONA – JUVENTUS 1-1

HELLAS VERONA – JUVENTUS 1-1

TORINO-ITALIA  La Juve non va oltre l'1-1 con il Verona, che tiene testa ai bianconeri pareggiando con Barak il gol di Ronaldo e provando anche a vincere nel finale. Peccato, perché per un'ora abbondante la Juve aveva giocato un buon calcio, occupato sapientemente gli spazi e costruito più di un'occasione da rete. Poi le energie sono forse venute a mancare: le assenze, ben sette, non possono mai essere una scusante, ma è difficile pensare che oggi non siano state un fattore decisivo.

Al Bentegodi Pirlo opta quindi per la difesa e tre, con Chiesa e Bernardeschi sulle fasce e Kulusevsky in avanti al fianco di Ronaldo. I bianconeri sono subito pericolosi con il tiro di Ramsey deviato sull'esterno della rete e iniziano con un ritmo decisamente alto, schiacciando i padroni di casa nella loro area. Il diagonale di Ronaldo e il tiro-cross di Chiesa vengono respinti, ma sono chiari segnali di un atteggiamento aggressivo. Il Verona è comunque un cliente tutt'altro che arrendevole e quando supera la pressione costringe Szczesny a deviare sul palo il colpo di testa di Faraoni.

L'avvio di gara è decisamente vivace, le squadre non si risparmiano e Chiesa, dopo un'accelerazione e uno scambio con Rasmey, lascia partire un diagonale rasoterra che impegna non poco Silvestri. Anche Rabiot ha una buona opportunità dopo l'ottimo spunto di Kulusevsky, ma colpisce male e mette sul fondo. L'intensità però inevitabilmente cala, così la gara si fa più ruvida e tattica e la frequenza delle occasioni diminuisce, tanto che l'ultima conclusione prima dell'intervallo arriva al 25': un sinistro di Ronaldo da fuori area che termina a lato.

La Juve parte forte anche nella ripresa e questa volta viene premiata dopo neanche quattro minuti, quando Ramsey imbecca Chiesa in area che alza la testa e dalla sinistra piazza il pallone al centro, verso Ronaldo, che arriva in corsa e infila il destro di prima intenzione alle spalle di Silvestri.

Il Verona reagisce con due conclusioni di Lazovic, ma la Juve è ancora pericolosa grazie alla percussione di Kulusevski che dal fondo serve Ramsey, il cui tiro a botta sicura viene respinto da Gunter. Più tardi è Ronaldo a calciare dal limite e questa volta Silvestri è piazzato e riesce a bloccare. Pirlo cambia Ramsey con McKennie e la Juve sembra in controllo, ma poco dopo la mezz'ora la pressione alta del Verona paga, quando Lazovic crossa dalla sinistra e Barak stacca altissimo infilando di testa il pareggio. I padroni di casa sono rinvigoriti dal gol e insistono, continuando a spingere sempre dalla sinistra, piazzando qualche traversone insidioso e colpendo la traversa con la sventola del solito Lazovic, deviata sul legno da Szczesny. Nel finale Di Pardo rileva Chiesa, ma la Juve non riesce più a dare continuità alla propria azione, deve anzi stringere i denti. Solo nel recupero i bianconeri tornano in avanti, ma non arrivano a impensierire Silvestri prima che il fischio di Maresca certifichi l'1-1 finale.

VERONA: Silvestri; Magnani, Gunter, Lovato; Faraoni (39' st Dawidowicz), Sturaro (23' st Vieira), Ilic (1' st Veloso), Dimarco (8' st Lazovic); Barak, Zaccagni (39' st Bessa); Lasagna. Allenatore: Juric.

JUVENTUS: Szczesny; Demiral, de Ligt, Alex Sandro; Chiesa (41' st Di Pardo), Bentancur, Rabiot, Ramsey (23' st McKennie), Bernardeschi; Kulusevski, Ronaldo. Allenatore: Pirlo.

Reti: Ronaldo 4' st, Barak 33' st. Arbitro: Maresca.