Vie. 23. Oct 2020, Santa Fe - Argentina
Eco-Ambiente

IL PIÙ ANTICO CANE ITALIANO SCOPERTO IN DUE SITI PALEOLITICI IN PUGLIA

IL PIÙ ANTICO CANE ITALIANO SCOPERTO IN DUE SITI PALEOLITICI IN PUGLIA

SIENA-ITALIA  Alcuni resti rinvenuti nei siti paleolitici di Grotta Paglicci a Rignano Garganico (Fg) e Grotta Romanelli a Castro (Le) testimoniano una presenza molto antica del cane, datata tra 14mila e 20mila anni fa.

La scoperta, di fatto del più antico cane italiano, è del Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dell'Università di Siena e in particolare dell'Unità di ricerca di Preistoria e Antropologia. Lo studio, frutto della collaborazione con altri enti nazionali e internazionali, è stato recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista “Scientific Reports”.

“Questa scoperta è di particolare interesse – spiega Francesco Boschin, archeozoologo dell'Università di Siena e coordinatore dello studio - in quanto i cani più antichi, riconosciuti con certezza dagli studiosi di preistoria, provenivano fino a ora da contesti dell’Europa centrale e occidentale datati a circa 16mila anni fa.

I resti pugliesi rappresentano quindi, a oggi, gli individui più antichi scoperti nell’area mediterranea ma potrebbero rappresentare anche le prime testimonianze in assoluto del processo che ha portato alla comparsa del cane, il primo animale domestico”.