Jue. 19. Set 2019, Santa Fe - Argentina
Lo sport

TORINO - JUVENTUS 0-1. LOTTA SI, CALCIO NO

TORINO - JUVENTUS 0-1. LOTTA SI, CALCIO NO

Cristiano anotó y significó el gol n° 5.000 della Juve in serie A...

TORINO-ITALIA  Un Derby brutto, confuso, con poco spettacolo e ancor meno occasioni. Ma proprio per questo vero, sanguigno, dal sapore antico. La Juve lo fa suo grazie a un rigore di Cristiano Ronaldo.

Derby brutto; ma il 15° successo su 16 gare di campionato. È una partitaccia, che offre solo corsa e agonismo, un copione che non favorisce certo la squadra più tecnica e che permette al Toro di controllare il gioco più di quanto si potesse pensare. I bianconeri si fanno trascinare dal caos, la manovra ne risente, manca di precisione e lucidità e così l'unica altra occasione del primo tempo è colpo di tacco di Chiellini, che devia tra le braccia di Ichazo l'angolo di Dybala.

L'assist della Joya e il sinistro a lato di Matuidi aprono la ripresa. Il Toro punta sulle accelerazioni di Belotti, che fa spendere due gialli a Pjanic e e Emre Can e cerca la porta con un destro dai venti metri, deviato in angolo. La Juve ci prova con il cross rasoterra di Alex Sandro per Matuidi, anticipato da Ichazo, quindi con lo spiovente di Ronaldo e la sponda di Mandzukic per l'inserimento di Dybala, anche lui chiuso al momento della battuta. Con il passare dei minuti il Toro abbassa il ritmo e i bianconeri iniziano a prendere possesso del campo. La gara è spigolosa e di occasioni non se ne vedono molte, bisogna lottare per procurarsele. È quanto fa Mandzukic quando corre come un matto per arrivare sul retropassaggio avventato di Zaza e viene steso dal tackle di Ichazo: è rigore e Ronaldo infila dal dischetto, nonostante l'estremo, el portiere granata tocca il pallone, senza riuscire a evitare il gol bianconero. Tre minuti dopo Mandzukic chiuderebbe la partita sparando il rete l'assist di Pjanic, ma il fuorigioco di Ronaldo sulla punizione del bosniaco vanifica l'azione. Basta comunque il minimo scarto, perché la Juve adesso è padrona del gioco, tiene palla, gestisce il tempo, non rischia più nulla e porta a casa tre punti d'oro. Torino è ancora una volta bianconera.

TORINO: Sirigu (Ichazo); N'Koulou, Izzo, Djidji; Aina (Berenguer), Baselli, Meité, Rincon, Ansaldi (Parigini); Zaza, Belotti. Allenatore: Mazzarri. JUVENTUS: Perin; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Can, Pjanic, Matuidi; Dybala; Mandzukic, Ronaldo. Allenatore: Allegri. Arbitro: Guida. Reti: Ronaldo rig. 25' st.