Jue. 19. Set 2019, Santa Fe - Argentina
Per il paese

OCCUPAZIONE: IN ITALIA PERSI 88MILA POSTI LAVORO A CAUSA DELLA CONTRAFFAZIONE

OCCUPAZIONE: IN ITALIA PERSI 88MILA POSTI LAVORO A CAUSA DELLA CONTRAFFAZIONE

Pérdida de puestos laborales en el país...

ITALIA-ROMA  L’Italia al terzo posto - dietro Stati Uniti e Francia - tra i Paesi più colpiti dalla contraffazione. È quanto emerge dai dati del Report di Euipo (Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale) e Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) su “Tendenze del commercio di prodotti contraffatti e usurpativi” che aggiorna il lavoro svolto nel 2016.

Lo studio conferma, per l’Italia, la stima di 88.000 posti di lavoro persi a causa del mercato della contraffazione, un dato che equivale al 2,1% del totale dei lavoratori impiegati nei settori colpiti dal fenomeno.

Nel nostro Paese, inoltre, sarebbero 10,3 i miliardi di euro di mancato gettito tributario causato dalla contraffazione (di cui 4,3 miliardi di euro persi per il mancato pagamento dell’Iva), una cifra che equivale al 3,2% del totale delle tasse riscosse e allo 0,62% del Pil. Il report evidenzia, poi, come il 15,1% del valore dei beni sequestrati contraffatti a livello mondiale sia a danno di marchi registrati in Italia, un dato che pone il Belpaese al terzo posto di questa classifica, alle spalle di Stati Uniti (con il 24%) e Francia (16,6%).

Secondo l’Indicam, l’associazione italiana per la tutela della proprietà intellettuale, è sempre più urgente un rafforzamento nelle nostre Ambasciate nei Paesi più critici con l’inserimento di esperti dedicati a supportare la tutela della proprietà intellettuale.