Mar. 21. Set 2021, Santa Fe - Argentina
Di tutti

CINEMA: ADDIO A NINO CASTELNUOVO, “UN VOLTO AMICO DEGLI ITALIANI”

CINEMA: ADDIO A NINO CASTELNUOVO, “UN VOLTO AMICO DEGLI ITALIANI”

ROMA-ITALIA  L’attore Nino Castelnuovo è morto, all'età di 84 anni, nella sua casa a Roma lo scorso 6 settembre. “Con la morte di Nino Castelnuovo perdiamo un grande attore, un interprete unico e un volto amico degli italiani. Talento poliedrico che, nel corso della sua lunga carriera, è stato protagonista in teatro, al cinema e in televisione. Indelebile la sua interpretazione del Renzo dei “Promessi Sposi”.

Tutto il mondo del cinema e della cultura si stringe con affetto ai suoi cari”. Così il Ministro della Cultura Dario Franceschini ha ricorda l’attore Castelnuovo. Un omaggio a Nino Castelnuovo, è arrivato subito dalla Rai con “Sottovoce”, il programma di Gigi Marzullo che ha raccontato Castenuovo, attraverso interviste d'archivio, in un ritratto umano e artistico, ripercorrendo una lunga e luminosa carriera tra teatro e cinema.

Per omaggiare Nino Castelnuovo, sulla piattaforma RaiPlay, nella fascia Da Non Perdere è, disponibile inoltre lo sceneggiato I Promessi Sposi. Tutte le Testate hanno dedicato servizi nelle edizioni dei Telegiornali al ricordo del grande attore scomparso.

"Un grande attore. Un artista che sia nel teatro, sia nel cinema ha regalato interpretazioni uniche" ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ricordando Nino Castelnuovo. "Era nato a Lecco e proprio la magistrale interpretazione del ruolo di Renzo nello sceneggiato televisivo 'I Promessi Sposi' – ha proseguito il governatore - rimarrà un punto fermo e indimenticabile della sua eccezionale carriera". "Regione Lombardia e tutti i lombardi - conclude - sono vicini ai suoi cari in questo triste momento". "La morte di Francesco "Nino" Castelnuovo ci addolora – ha dichiarato il responsabile Cultura di FDI e commissario di Vigilanza Rai, deputato Federico Mollicone -. E' stato un grande attore di teatro e cinema, con Strelher, o ne "Il Paziente inglese", di Anthony Minghella, e "Rocco e i suoi fratelli".