Sab. 17. Ago 2019, Santa Fe - Argentina
Di tutti

LIBRI, 29 LUGLIO 1900: QUANDO L’ANARCHICO BRESCI UCCISE IL RE

LIBRI, 29 LUGLIO 1900: QUANDO L’ANARCHICO BRESCI UCCISE IL RE

La historia...

ROMA-ITALIA  Sono le 22 del 29 luglio 1900. Siamo a Monza e il re Umberto I sta salendo in carrozza dopo aver premiato i ginnasti della società “Forti e liberi”. Ad aspettarlo c’è il revolver di Gaetano Bresci, l’anarchico venuto dall’America.

Pochi istanti dopo l’Italia intera entrerà in una nuova epoca. A raccontare la vicenda lo storico Marco Albeltaro, nel suo ultimo libro uscito per Laterza dal titolo “29 luglio 1900”. Un anarchico, un re e un cocchiere. Tre persone che non hanno nulla in comune; tre vite diverse che si incontrano la sera del 29 luglio 1900 a Monza. Uno spara, uno muore, l’altro osserva. Tre voci, tre punti di vista per raccontare un giorno come tanti che ha visto il primo di una serie di omicidi politici che avrebbero costellato i decenni a venire. Gaetano Bresci, l’anarchico, è un operaio figlio di contadini, un emigrato in New Jersey, un uomo ora radicato negli Usa ma capace di lasciare tutto e attraversare l’Atlantico per vendicare gli oppressi dalle violenze del sovrano. Un uomo comune che con il suo atto dirompente diventa un mito destinato a sopravvivere per decenni. Il re è Umberto I, ‘re buono’ perché abolisce la pena di morte, ma anche ‘re mitraglia’ perché sostiene le cannonate di Bava Beccaris durante i moti popolari a Milano. La politica, gli stili di vita, le condizioni culturali, sociali ed economiche dei due uomini, Umberto I e Gaetano Bresci, diventano così il pretesto per raccontare un’epoca con le sue tensioni e le sue contraddizioni.