Dom. 23. Feb 2020, Santa Fe - Argentina
Per il paese

PAPA: LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ UNA PROFANAZIONE DI DIO

PAPA: LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ UNA PROFANAZIONE DI DIO

ROMA-ITALIA  “La rinascita dell’umanità è cominciata dalla donna. Le donne sono fonti di vita. Eppure sono continuamente offese, picchiate, violentate, indotte a prostituirsi e a sopprimere la vita che portano in grembo. Ogni violenza inferta alla donna è una profanazione di Dio, nato da donna”.

Così Papa Francesco nell’omelia pronunciata in Vaticano in occasione della Giornata mondiale della Pace, il primo gennaio “Dal corpo di una donna – sottolinea il Papa - è arrivata la salvezza per l’umanità: da come trattiamo il corpo della donna comprendiamo il nostro livello di umanità. Quante volte il corpo della donna viene sacrificato sugli altari profani della pubblicità, del guadagno, della pornografia, sfruttato come superficie da usare. Va liberato dal consumismo, va rispettato e onorato; è la carne più nobile del mondo, ha concepito e dato alla luce l’Amore che ci ha salvati Oggi pure la maternità viene umiliata, perché l’unica crescita che interessa è quella economica.

Ci sono madri che rischiano viaggi impervi per cercare disperatamente di dare al frutto del grembo un futuro migliore e vengono giudicate numeri in esubero da persone che hanno la pancia piena, ma di cose, e il cuore vuoto di amore”. "Se vogliamo un mondo migliore, che sia casa di pace e non cortile di guerra, ci stia a cuore la dignità di ogni donna – ribadisce Francesco - Dalla donna è nato il Principe della pace. La donna è donatrice e mediatrice di pace e va pienamente associata ai processi decisionali. Perché quando le donne possono trasmettere i loro doni, il mondo si ritrova più unito e più in pace. Perciò, una conquista per la donna è una conquista per l’umanità intera”.