Lun. 14. Oct 2019, Santa Fe - Argentina
Lo sport

SASSUOLO - JUVENTUS 0-3

SASSUOLO - JUVENTUS 0-3

La Vecchia Signora no detiene su paso triunfal...

TORINO-ITALIA  In un solo pomeriggio la Juve ritrova il successo, la difesa blindata e il vantaggio di undici punti sul Napoli. Contro il Sassuolo i bianconeri appaino cinici e cattivi e controllano senza fatica il match rischiando solo quando commettono qualche leggerezza. Soprattutto danno l'impressione di essere in netta crescita rispetto alle ultime uscite e questo è il miglior segnale possibile, in vista dei prossimi, caldissimi impegni.

Il Sassuolo parte bene a dire il vero e dopo un solo minuto piazza una ripartenza velenosa, che si conclude con il sinistro di Sensi sopra l'incrocio. La seconda potrebbe essere letale, perché su un passaggio per linee orizzontali di Pjanic, Rugani si fa anticipare da Djuricic, che punta l'area e cerca di saltare Szczesny in dribbling, ma il portiere riesce a toccare il pallone e a sventare la minaccia. Non è il solo intervento cui è chiamato il polacco che, al quarto d'ora, vola per togliere dall'angolino il destro di Locatelli. Al terzo pericolo corso la Juve si rianima e, non appena accelera, cambia il corso della gara: Ronaldo intercetta un rinvio di Consigli e spara una sventola che il portiere neroverde respinge sui piedi di Khedira. La porta è sguarnita e toccare in rete è un gioco da ragazzi. Il tedesco potrebbe anche raddoppiare nel finale di tempo, quando Bernardeschi, dopo essersi visto respingere un violento sinistro dal limite, lo serve con un cross perfetto. Lo stacco di testa è puntuale, ma la mira sbagliata.

E sbagliata, di poco, è anche quella di Rugani in avvio di ripresa. La Juve sembra più pimpante e con Bernardeschi in versione rifinitore va vicino al raddoppio con due azioni identiche: prima il suggerimento dell'ex viola per il taglio di  Mandzukic è troppo lungo, poi è perfetto quello per Ronaldo, ma il portoghese è in fuorigioco. Dall'altra parte è un'uscita un po' eccessiva di Szczesny, che si porta fino a centrocampo per intervenire su un rilancio degli emiliani, a regalare a Berardi la possibilità di calciare verso la porta sguarnita e tutto lo stadio osserva i l pallone rotolare indisturbato verso i pali, fino a perdersi sul fondo. È comunque la Juve ad avere le occasioni migliori, specie quando Ronaldo allarga il raggio di azione sulla fascia: dal suo piede parte il traversone che Mandzukic trasforma in un assist per Khedira e Bernardeschi, entrambi in ritardo all'appuntamento con il pallone. Poco dopo il croato fa da sponda anche per De Sciglio, che dal limite spara un rasoterra a lato, ma il raddoppio comunque è nell'aria. E arriva quando Ronaldo stacca con un terzo tempo da cestista sull'angolo calciato da Pjanic e infila di testa alle spalle di Consigli il suo ventesimo gol stagionale.

La partita è già virtualmente chiusa, ma trova il sigillo definitivo a quattro minuti dalla fine, quando Dybala e Emre Can, entrati da poco per Bernardeschi e Matuidi, confezionano con Ronaldo un'azione da manuale: l'argentino imposta, il portoghese rifinisce, il tedesco conclude. Tre tocchi, tre gol, tre punti. Quando si dice “numero perfetto”...

SASSUOLO: Consigli; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio; Bourabia (Magnanelli), Sensi, Locatelli; Berardi, Babacar (Boga), Djuricic (Matri). Allenatore: De Zerbi. JUVENTUS: Szczesny; De Sciglio, Rugani, Caceres, Alex Sandro; Khedira (Bentancur), Pjanic, Matuidi (Emre Can); Bernardeschi (Dybala), Mandzukic, Ronaldo. Allenatore: Allegri. Arbitro: Mazzoleni. Reti: Khedira 24' pt, Ronaldo 25' st, Emre Can 41' st.