Vie. 14. Dic 2018, Santa Fe - Argentina
Lo sport

JUVE: DECIMA VITTORIA CONSECUTIVA

JUVE: DECIMA VITTORIA CONSECUTIVA

No se detiene el camino triunfal Juventino...

TORINO-ITALIA  I bianconeri vincono anche a Udine con le reti di Bentancur e Ronaldo e centrano la decima vittoria consecutiva in questo avvio di stagione.

E sono dieci di fila. La Juve completa il filotto di vittorie stagionali prima della pausa andando a comandare anche sul campo dell'Udinese. Prova di forza che certifica l'assoluto dominio che i bianconeri stanno esercitando in questo avvio di campionato.

La squadra di Allegri cerca di sfruttare l'ampiezza del campo con Cancelo e Alex Sandro, oppure di alzare il pressing per recuperare palla il prima possibile. La supremazia bianconera è netta, anche se nei primi venti minuti produce solo un colpo di testa di Ronaldo e un tiro di Pjanic, entrambi fuori misura. Il muro friulano è compatto, superarlo con giocate di fino è complicato e bisogna aspettare il momento giusto per trovare un varco, ma la Juve ha la maturità e la pazienza per attendere e per colpire quando si presenta l'occasione. Accade poco dopo la mezz'ora, quando l'Udinese ha un calcio d'angolo a proprio favore che Szczesny cattura in presa alta rilanciando subito l'azione: Ronaldo tocca per Dybala, quindi Bentancur apre per Cancelo, segue l'azione, arriva a staccare in area con perfetto tempismo, schiacciando in rete il suo primo gol in bianconero.

I bianconeri continuano a dominare la gara e anche se ora non hanno la necessità di forzare le giocate rimangono costantemente nella metà campo avversaria. Ronaldo arriva al tiro dopo uno scambio con Mandzukic, senza però angolare a sufficienza la traiettoria, quindi offre a Bernardeschi un pallone invitante che il nuovo entrato indirizza sul primo palo, trovando l'ottima risposta di Scuffet. Anche l'altro componente del trio d'attacco, Mandzukic, sfiora il gol con un diagonale rasoterra, mentre l'Udinese si fa vedere con la violenta conclusione di Pussetto, respinta da Szczesny. È una gara piacevole, che la Juve impreziosisce con giocate da flipper. Pjanic, Ronaldo, Mandzukic, ancora Ronaldo: tutto di prima intenzione, tutto bellissimo come la risposta di Scuffet che toglie a CR7 la soddisfazione della doppietta e a Cancelo quella del primo gol con la Juve, deviando sulla traversa la sua sventola dal limite. Il fatto che il portiere sia nettamente il migliore dei suoi la dice lunga sull'ennesima prova di forza dei bianconeri, che arrivano alla sosta con un altro successo e che, soprattutto, partita dopo partita, non solo dimostrano una forza straripante, ma danno anche l'impressione, sempre più netta, di divertirsi un mondo. E più si divertono loro, più si divertono i tifosi...

UDINESE: Scuffet; Stryger-Larsen, Troost-Ekong, Nuytinck, Samir; Behrami (Pussetto); Barak (Teodorczyk), Fofana, Mandragora De Paul; Lasagna (Vizeu). Allenatore: Julio Velazquez. JUVENTUS: Szczesny; Cancelo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (Barzagli), Matuidi (Emre Can); Dybala (Bernardeschi), Mandzukic, Ronaldo. Allenatore: Massimiliano Allegri.