Mie. 14. Nov 2018, Santa Fe - Argentina

NAVIGARE: PER GLI UCCELLI MARINI E’ UNA QUESTIONE DI ‘NASO’

NAVIGARE: PER GLI UCCELLI MARINI E’ UNA QUESTIONE DI ‘NASO’

Importantes conclusiones sobre las aves...

ROMA-ITALIA  Alcune specie di uccelli marini come la berta maggiore riescono a compiere viaggi di migliaia di chilometri in mezzo al mare per trovare il cibo e poi ritornare al nido: uno studio internazionale coordinato dall’Istituto dei sistemi complessi (Isc) del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze ha chiarito, con l’ausilio di modelli matematici, che il meccanismo alla base delle lunghe navigazioni è olfattivo, cioè guidato dagli odori trasportati dalla turbolenza atmosferica, indispensabile in alto mare, in assenza di qualunque riferimento topografico.

Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, ha coinvolto anche ricercatori italiani dell’Ispra, portoghesi del Marine and Environmental Sciences Centre (MARE) e britannici del Rothamsted Research. “Abbiamo analizzato e confrontato il volo di cinque popolazioni di berta maggiore appartenenti a tre specie differenti, in acque sia atlantiche sia mediterranee”, spiega Stefano Focardi (Cnr-Isc).