Mar. 13. Nov 2018, Santa Fe - Argentina
Di tutti

DYBALA SHOW

DYBALA SHOW

Espectacular triplete del argentino...

TORINO-ITALIA  Nella prima partita della stagione in cui deve fare a meno di Ronaldo, la Juve ritrova Paulo Dybala. Lo Young Boys non è uno degli avversari più complicati che l'Europa possa offrire, è vero, ma ha corsa e fisico sufficienti a impedire ai bianconeri di sottovalutare l'impegno. E così, se al giusto atteggiamento si uniscono le prodezze della Joya, la partita si trasforma fin da subito in un monologo bianconero.

Il primo affondo è già un capolavoro: dopo cinque minuti al piccolo trotto Bonucci lascia partire una pennellata di quaranta metri e il pallone supera Camara e arriva docile sul morbido sinistro di Dybala che al volo piazza nell'angolino.

La Joya aggiusta decisamente la mira poco dopo la mezz'ora, quando parte palla al piede dalla propria metà campo, allarga per Cuadrado, segue l'azione, arriva per primo sulla corta respinta di von Ballmoos, in difficoltà sulla botta di Matuidi dalla distanza, e spedisce in rete il raddoppio.

Il tris potrebbe arrivare già in apertura di ripresa: al 3' Bernardeschi ruba palla a centrocampo e una volta arrivato al limite scarica per Dybala che incrocia il destro, colpendo un palo clamoroso. Ogni tentativo dello Young Boys di farsi vedere in avanti viene rispedito al mittente, mentre ogni volta che la Juve attacca dà la sensazione di poter passare ancora. La terza Joya arriva comunque, a coronamento di un'azione superba: Alex Sandro appoggia ad Emre Can al limite, da questi a Mandzukic, quindi palla in area per Cuadrado e tocco in mezzo vero Dybala che corregge in rete da due passi. Tutto ad un tocco: spettacolo allo stato puro.

A complicare ulteriormente la vita alla squadra di Seoane ci pensa Camara, che rimedia due gialli nel giro di tre minuti. E così anche la nona gara di questo avvio di stagione si chiude con una vittoria, con gli applausi e, ancor più importante ,con il primo posto a punteggio pieno nel girone di Champions e con un passo deciso verso gli ottavi di finale.

JUVENTUS: Szczesny; Barzagli, Bonucci, Benatia; Cuadrado, Matuidi (Emre Can), Pjanic (Khedira), Bernardeschi, Alex Sandro; Dybala, Mandzukic (Kean). Allenatore: Allegri. YOUNG BOYS: von Ballmoos; Schick, Camara, Von Bergen, Benito; Fassnacht (Assale), Sow, Sanogo (Lauper), Bertone, Sulejmani (Ngamaleu); Hoarau. Allenatore: Seoane. Juez: Karasev (Rusia). Espulsi: 33' st Camara.