Vie. 22. Feb 2019, Santa Fe - Argentina
Lo sport

JUVE: PAREGGIO CON PARMA

JUVE: PAREGGIO CON PARMA

Igualdad donde la Vecchia Signora tuvo todo para ganar...

TORINO-ITALIA  La novedad della Juve, fue el comenzar con 4 en el fondo que nunca juengan juntos. Necesidades y lesiones obligaron a ello. También hubo descanso para Dybala. Andare per due volte sopra di due gol non basta alla Juve per battere il Parma. Alla doppietta di Ronaldo, intervallata dal gol di Rugani, risponde quella di Gervinho, dopo che Barillà aveva già accorciato le distanze una prima volta. Un amaro pareggio.

Che i pericoli potessero arrivare soprattuto da Gervinho, si intuisce subito, quando l'ivoriano mette il turbo per farsi cinquanta metri palla al piede e procurarsi un angolo con un destro dal limite, deviato in angolo da Caceres, alla prima da titolare nella terza puntata della sua storia bianconera. Il contropiede è la sola arma a disposizione degli ospiti, perché è la Juve a comandare il gioco, stazionando nella metà campo parmense, ma commettendo anche qualche errore di troppo quando si tratta di dettare l'ultimo passaggio. Il primo squillo arriva da CR7 dopo un quarto d'ora, con un siluro da venti metri che manda in affanno Sepe, mentre dall'altra parte Kucka impegna Perin con un diagonale dalla distanza.

Per lunghi tratti il primo tempo è un assedio, con il Parma che, rintanato nella propria area, ribatte ogni tentativo di trovare il varco giusto per colpire. Khedira lo troverebbe anche poco dopo la mezz'ora, quando si districa in area tra quattro maglie gialloblu e spara il sinistro in diagonale, ma centra in pieno il palo. Il gol però è nell'aria e arriva quando Ronaldo riceve da Matuidi nella solita area intasata, si porta il pallone sul destro e pur scivolando riesce a colpire, infilando il destro, deviato da un Iacoponi, nell'angolino. Mandzukic prova a concedere il bis dalla stessa posizione poco dopo, trovando la risposta di Sepe, che blocca il rasoterra. E dopo il rigore, prima concesso per atterramento di Caceres ad opera di Iacoponi e poi cancellato per un precedente fallo commesso dall'uruguaiano, arriva una pregevole combinazione Mandzukic-Ronaldo che il portoghese conclude a lato di un soffio, lasciando il punteggio all'intervallo fermo sull'1-0.

La ripresa inizia con Bernardeschi al posto di Douglas Costa e con il Parma lievemente più propositivo. Questo apre spazi per le ripartenze dei bianconeri che dopo aver sfiorato il raddoppio con Khedira, prima fermato ancora dal palo, poi dal guizzo di Sepe, lo trovano con il tap in di Rugani, che sfrutta il traversone di Mandzukic, deviato di testa da Ronaldo, e da due passi infila il suo secondo gol stagionale. Non c'è neanche il tempo di esultare, perché due minuti dopo la difesa bianconera si fa trovare sbilanciata e sul lungo traversone di Kucka, Barillà arriva con tempismo perfetto e infila un colpo di testa imparabile. Altri due giri di orologio e arriva la controreplica: Mandzukic scodella un cross perfetto a centro area e Ronaldo prende l'ascensore per sovrastare Iacoponi e schiacciare la doppietta in rete.

È una partita senza fine e dopo la tripletta sfiorata da Ronaldo con un altro colpo di testa, il Parma accorcia ancora le distanze. È sempre Kucka a fornire l'assist, questa volta rasoterra, per Gervinho, che di tacco sorprende sia Rugani che Perin e riapre i giochi. Allegri cambia ancora, inserendo Bentancur per Khedira e negli ultimi minuti Bernardeschi, toccato duro, lascia il posto a Emre Can, ma il Parma non smette di crederci e in pieno recupero Inglese recupera un pallone in avanti e il suo cross, sporcato, finisce sul destro di Gervinho che può calciare indisturbato. Perin tocca, il pallone sbatte sulla traversa, ma si infila comunque in rete, ammutolendo l'Allianz e costringendo la Juve al terzo pareggio di questo campionato.

JUVENTUS: Perin; Cancelo, Rugani, Caceres, Spinazzola; Khedira (Bentancur), Pjanic, Matuidi; Douglas Costa (Bernardeschi, e Emre Can), Mandzukic, Ronaldo. Allenatore: Allegri. PARMA: Sepe; Iacoponi, Bruno Alves, Bastoni, Gagliolo; Kucka (Sprocati), Scozzarella (Stulac), Barillà; Gervinho, Inglese, Biabiany (Siligardi). Allenatore: D'Aversa. Arbitro: Giacomelli. Reti: Ronaldo 36' pt e 21' st, Rugani 17' st , Barillà 19' st, Gervinho 29' st e 48' st.