Mar. 16. Jul 2019, Santa Fe - Argentina
Di tutti

AUTO, FCA-RENAULT: SALTA IL “MATRIMONIO” ANNUNCIATO

AUTO, FCA-RENAULT: SALTA IL “MATRIMONIO” ANNUNCIATO

Se realizará la fusión a futuro...?

ROMA-ITALIA  “Questo matrimonio non s’ha da fare . . .”, si potrebbe dire in merito alla fusione tra Renault e Fiat Chrysler che sembra tramontata definitivamente, dopo che il Consiglio di amministrazione del gruppo italo-americano il 5 giugno ha deciso di ritirare con effetto immediato la proposta avanzata al gruppo francese.

“Fca – si legge in una nota - continua ad essere fermamente convinta della stringente logica evolutiva di una proposta che ha ricevuto ampio apprezzamento sin dal momento in cui è stata formulata e la cui struttura e condizioni erano attentamente bilanciati al fine di assicurare sostanziali benefici a tutte le parti. E’ tuttavia divenuto chiaro che non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo”.

Ma a cosa allude di preciso il comunicato di Fca quando parla di “condizioni politiche” che hanno fatto saltare la trattativa dopo che un’intesa di massima sembrava essere stata raggiunta? Particolare influenza sembrano aver avuto le pressioni del ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, che mentre il board di Renault era riunito per sigillare l’intesa ha rivendicato come condizioni la presenza di una sede operativa in Francia, la rappresentanza dello Stato francese nel Consiglio di amministrazione della futura entità e delle garanzie per i siti industriali e l'occupazione.